Escape room Milano

1477062800241.jpg

Cari amici, sono appena rientrata da Milano, dove ho avuto il piacere di partecipare a un’escape room.

1 stanza. 5 persone (al massimo). 1 ora di tempo per riuscire a scappare. Queste sono le caratteristiche principali del gioco.

Escapers Milano si trova in via Francesco Nava ed è costituito da due sale: “Fuga dalla prigione” e “Fotolaboratorio del fantasma”. La sala all’interno della quale sono stata rinchiusa con la mia squadra è “Fuga dalla prigione”. Il primo obiettivo è quello di riuscire a scappare dalla cella ma… non cantate vittoria troppo in fretta!

La logica non basta, serve anche un po’ di astuzia e, perchè no, un po’ di fantasia, per cercare materiale che potrebbe tornarvi utile anche in posti che non immaginereste. All’ingresso vi verrà dato un Walkie-Talkie, con il quale potrete chiedere 3 indizi ai proprietari, che nel frattempo si staranno facendo delle grandi risate, guardandovi dalla telecamera!

Per prendere parte al gioco, non serve nulla di particolare, se non tanta voglia di divertirvi! Il mio consiglio è quello di andare in 4 persone. Secondo me è il numero adatto, considerando che le stanze non sono enormi.

Se fa paura? Be, questo sta a voi giudicarlo! Non vi resta altro che provare!

Per maggiori informazioni visita il sito di Escapers Milano.

All’uscita vi faranno anche una fotografia, che verrà caricata sulla pagina ufficiale di Facebook: Escapers Milano

Buona fuga e… alla prossima!

Annunci

Benvenuti ad Heidelberg!

Eccomi di nuovo in Germania! Questa volta però mi sono spinta un po’ più al nord e precisamente ad Heidelberg, una città universitaria molto amata dagli studenti dei paesi limitrofi, e che personalmente ho adorato!

Essendo una città abbastanza piccola, risulta essere molto caratteristica e molto rappresentativa dello stile di vita tedesco. Il freddo ovviamente si fa sentire e la neve vedere, ma credetemi, ne vale la pena! La presenza della stazione fa sì che Heidelberg sia facilmente raggiungibile, questo consente anche ai turisti che alloggiano in un’altra località di farvi un salto, anche solo per una giornata!

Il centro storico è il luogo ideale per una passeggiata tranquilla all’insegna del romanticismo. Seguendo la via principale si giunge ad una piazza, dalla quale si intravede in lontananza il castello di Heidelberg, tappa obbligatoria per chiunque passi di lì!

20141230_160540

Per salire al castello è necessario salire una gradinata abbastanza tosta per i più pigri ma, una volta giunti in cima, la vista del castello e il panorama ripagheranno tutta la fatica!

20141230_15485320141230_154507

Se la camminata fino al castello o il freddo vi hanno messi un po’ ko, vi consiglio di rifugiarvi all’interno di un bar e di assaggiare qualche bevanda calda tipica del posto, come il succo d’arancia caldo (heisse Orangesaft) o il succo di mela caldo (heisse Apfelsaft). Se invece si avvicina l’ora di cena, non dimenticatevi di ordinare una Schnitzel, ossia una mega cotoletta servita con patatine fritte e se vi capita di vedere qualcuno cenare alle 18 non preoccupatevi, è tutto regolare!

Va dove ti porta il cuore…a Firenze!

Eccomi qui a parlarvi di una città che tutto il mondo ci invidia. Città che ha dato i nativi a personaggi quali Dante, Leonardo Da Vinci, Brunelleschi, Michelangelo…posso aggiungere anche Pieraccioni? Io lo adoro!
Be sì, avete capito, sto parlando di Firenze, città nella quale ho trascorso il S. Valentino 2014 e, credetemi, non potevo fare una scelta migliore!

Era per me la prima volta in questa  bellissima città, così pulita ed elegante, dove si respira un’atmosfera speciale. E in quell’occasione si respirava anche un profumo speciale, quello del cioccolato! Vi era infatti in quei giorni la fiera del cioccolato in Piazza Santa Maria Novella, una fiera che sinceramente speravo fosse più grande, ma a una città come Firenze si perdona tutto!

Il Duomo di Firenze è qualcosa di unico, così maestoso e ricco di decorazioni, curato nei mini dettagli, per non parlar dei colori, stupendo!

IMG_20141224_131455

E poi Palazzo Pitti, Piazza della Signoria con tutte le sue meravigliose statue, Ponte Vecchio, il Giardino di Boboli e la Fontana del Nettuno! Insomma, se non l’avete capito, io amo Firenze!!!! E’ una città incredibile e ci tornerò sicuramente! Anche perchè purtroppo ci sono stata per poco e non ho avuto modo di visitare gli Uffizi. Voi ci siate stati? Come sono?

IMG_20141224_1250162014-02-15 15.05.14

Verona in una giornata, missione compiuta!

Eccomi qui a parlarvi di una città di cui mi sono innamorata, la città dell’amore, la città di Romeo e di Giulietta, Verona!

Ho avuto la fortuna di visitarla nel periodo natalizio e ciò mi ha concesso di vedere anche i mercatini di Norimberga, situati in piazza dei Signori, dove ho assaggiato alcune specialità tipiche della Germania, una delizia!

IMG_20141222_190011

Vi state chiedendo come ho fatto a visitare Verona in un giorno?

Il centro storico è abbastanza concentrato, così è possibile visitarlo tutto a piedi nel giro di poche ore, ovviamente con un paio di scarpe comode, ma mi raccomando, non perdete mai di vista lo stile! L’arena ha un non so che di maestoso e allo stesso tempo elegante e, se ne avete la possibilità, andate a vederla anche di sera perchè è qualcosa di magico…
Chissà come dev’essere assistere a un concerto, spero di potervelo raccontare presto!

sa

Chiunque passi da Verona non può assolutamente evitare di fare una visita alla casa di Giulietta e di toccarle il seno! Sì, avete letto bene, all’interno del cortile c’è una statua dell’innamorata e si dice che toccarle il seno porti fortuna, quindi avanti con le palpate!
La casa di Giulietta dista soli 10 minuti a piedi dall’arena; proseguendo per altri 5 minuti arriverete anche alla casa di Romeo.

Se siete in compagnia del vostro amato o della vostra amata, non dimenticatevi di scrivere o appendere un biglietto sulla parete all’ingresso del cortile. Scriveteci una frase, la vostra data di fidanzamento, il titolo della vostra canzone, quello che volete insomma, io l’ho fatto!
Il muro rappresenta un’attrazione turistica, fotografato tanto quanto il celebre balcone. Artisti di fama internazionale nel corso degli anni hanno acquistato parti del muro ricoperte di scritte per farne opere d’arte da esporre nelle gallerie d’arte di tutto il mondo o per rivenderli come pezzi da collezione.

20141125_121941