Pantelleria: 6 cose da fare assolutamente!

Pantelleria è un’isola tutta da scoprire. L’entroterra è molto selvaggio e vi è una sola strada facilmente percorribile in auto, la perimetrale che per tutta la sua lunghezza vi offrirà una bellissima vista sul mare.

Una settimana è sufficiente se il vostro scopo è quello di vedere tutte le spiagge più belle. 10 giorni sono il numero di giorni perfetto se volete cimentarvi in qualcosa di diverso, come visitare l’entroterra, il vulcano o scoprire tutte le zone termali e le saune naturali dell’isola.

In entrambi i casi, se vi recate a Pantelleria, ci sono delle cose che dovete fare assolutamente! Ecco quali.

Escursione in barca. Come vi ho già raccontato nell’articolo in cui descrivevo le cinque calette più belle, dovete sapere che ci sono cale altrettanto belle ma raggiungibili solo in barca. Per questo motivo vi invito a fare un’escursione. Il costo è di 40€ con pranzo a bordo. Personalmente ho scelto l’escursione offerta da Franco, un tipo stravagante e un po’ pazzo, in senso positivo s’intende. Durante la giornata Franco vi farà fare un giro completo intorno all’isola, fermandosi in 4 cale dove potrete tuffarvi!

Calici di stelle. Se vi trovate a Pantelleria nel mese di agosto, dovete sapete che due giovedì del mese, al castello, viene organizzata una serata all’insegna della scoperta dei prodotti tipici locali, con degustazioni di vini e assaggi di marmellate, capperi e altri prodotti panteschi. Il costo d’ingresso è di 10€.

Una cena all’agriturismo Zinedì. Location molto familiare e accogliente, offre un menù a 20€ a persona che comprende aperitivo, primo, secondo, acqua e vino. Tutto a base di pesce. Qui potrete anche acquistare il loro vino e il famoso Passito di Pantelleria e c’è anche la possibilità di farvi spedire a casa i vostri acquisti. Per saperne di più, visitate il loro sito.

Fare i fanghi al Lago di Venere. Il lago è uno specchio di acqua trasparente, visibile anche dall’aereo appena prima dell’atterraggio. Durante le giornate di Tramontana, quando il vento impedisce di fare il bagno in tutta la parte nord dell’isola, molti optano per questo lago. Si tratta del cratere di un antico vulcano alimentato dall’acqua piovana e dalle sorgenti termali poste al suo interno, che raggiungono temperature fino ai 50°.

Assaggiare il pesto pantesco. Realizzato con pomodori, capperi di Pantelleria, mandorle, peperoncino, basilico, prezzemolo, aglio e olio d’oliva e servito con gli spaghetti, è il piatto ideale da gustare dopo una giornata di mare. Io l’ho voluto assaggiare subito la prima sera e ne sono rimasta entusiasta! Se non volete un ristorante con troppe pretese, vi consiglio il Blue Moon Ristorante, adiacente al Blue Moon Hotel, che mi sento di consigliarvi anche per il vostro soggiorno a Pantelleria. L’ambiente è molto familiare, per nulla sofisticato, e i prezzi modici, senza scordare la qualità.

Rinfrescarsi con una granita siciliana. Dimenticate per un momento le granite fatte con cubetti di ghiaccio e sciroppo di menta. Ora provate una granita siciliana e ditemi se tornerete mai a mangiare quella che finora avevate chiamato granita. Davvero, quella al pistacchio è eccezionale, una vera droga! Anche quella alla mandorla è molto gustosa, ma ai palati più raffinati suggerisco di provare la granita fichi d’india e prosecco e quella al gelso!

Annunci

3, 2, 1… me ne vado a Pantelleria!

Pantelleria pre viaggio_Instancabile giramondo

Eccomi qui, pronta per una nuova avventura! Tra un’ora prenderò l’aereo, destinazione: Pantelleria. Inutile dire che non vedo l’ora di essere lì!!!
Sono stata solo una volta in Sicilia, a Trapani, città molto bella con un centro storico pieno di vita, e spero di ritrovare a Pantelleria la stessa calorosa accoglienza.

Ovviamente in questi ultimi giorni ho reperito un sacco di informazioni utili, su cosa fare e cosa vedere, e ho già in mente un paio di escursioni che mi porteranno alla scoperta di questa isola dalle acque cristalline. Chi sa se si mostrerà all’altezza delle mie aspettative, soprattutto quelle culinarie!

Come raggiungere Pantelleria

Per raggiungere Pantelleria il modo più veloce è volare con la Blu Panorama, che atterra direttamente sull’isola. Unica pecca: un solo volo giornaliero, di conseguenza conviene prenotare con molto anticipo. Io ho prenotato a febbraio e già all’ora mi dava solamente 4 posti disponibili sul volo. Per il viaggio da e per l’aeroporto potete usufruire del bus Autoparco Comunale oppure richiedere il servizio navetta al costo di 10€, pagando direttamente al conducente.
In alternativa è possibile atterrare all’Aeroporto di Trapani e poi prendere il traghetto.

Organizzare una vacanza a Pantelleria

Sul sito Vivere Pantelleria si può trovare tutto ciò di cui si ha bisogno per organizzare il proprio viaggio. Dalle strutture ricettive, alle escursioni, dai ristoranti agli eventi e molto altro. Per chi ama organizzare tutto nei minimi dettagli prima della partenza, risulta molto utile. Io che, al contrario, non amo programmare nulla prima della partenza, se non curiosare un po’ sulle possibili attività e gite giornaliere, deciderò tutto giorno per giorno, in base ai consigli delle persone che incontrerò lungo il mio cammino.

E’ giunto il momento di partire! Restate sintonizzati sui miei canali social per vedere tutte le foto che condividerò!

A prestissimo 🙂