La mia prima volta a un parco avventura

Parco avventura_Instancabile giramondo

Le ferie sono vicine e finalmente avremo un po’ di tempo libero a disposizione per fare quello che ci piace o per sperimentare qualcosa di nuovo! A me piace fare cose nuove, non sopporto la monotonia, per esempio non potrei mai e poi mai andare sempre in vacanza nello stesso posto. Non mi piace avere tradizioni o cose del genere, così domenica ho deciso di fare una cosa mai fatta prima: andare al Parco Avventura Roncola di Bergamo!

Il parco avventura consiste in una serie di percorsi sospesi tra gli alberi, che richiedono tanta concentrazione, un buon equilibrio e, per i più fifoni, un po’ di coraggio! Al vostro arrivo dovrete fare un mini briefing e un piccolo percorso di prova, per prendere confidenza con l’attrezzatura e imparare ad utilizzarla bene.

I percorsi sono in totale 6 e si dividono in Junior (Giallo, Azzurro e Verde) e Top (Marrone, Blu e Rosso). I Junior sono stati pensati per i più piccoli e non richiedono una grande forza fisica. Man mano si passa da un percorso all’altro, la difficoltà aumenta, iniziano ad esserci più ostacoli che richiedono di restare in equilibrio e aumenta anche l’altezza del percorso. I livelli Top richiedono un’altezza minima di 140cm. E’ importante non sottovalutare questo requisito! L’altezza di 140cm non è casuale, ma ha a che fare con gli esercizi ai quali verrete sottoposti, per esempio vi capiterà di dover camminare sopra un filo, tenendovi con le mani ad una corda posto più in alto, al quale i bambini non arrivano. Mi è capitato di vedere più di un bambino penzolare dal percorso Blu, perchè i genitori hanno ignorato il cartello posto all’inizio del percorso!

Parco avventura_Instancabile giramondo2

Sia chiaro che non c’è un filo logico da seguire, ciascuno può scegliere di fare i percorsi che vuole. Questo anche perchè l’accesso al parco è ad ore e se comprate un biglietto di 120 minuti, vi conviene scegliere magari un percorso di livello base e uno intermedio, in modo da non sprecare il tempo in cose magari più semplici ma meno divertenti!

Il discorso cambia nel caso in cui, come me, comprate l’ingresso su Groupon, in questo caso il biglietto è giornaliero e potrete stare all’interno del parco tutto il tempo che vorrete.

Per il pranzo c’è un’area attrezzata con tavoli, in alternativa potete mangiare al bar del parco, ma credo abbiano solo panini e piadine.

I percorsi, soprattutto quelli meno difficili vi sembreranno un gioco da ragazzi. Siate consapevoli della resistenza che avete, perchè potrete arrivare ad un punto in cui il vostro fiato vi abbandonerà e, se siete poco allenati, non passerà molto tempo prima che le vostre gambe o braccia inizieranno a chiedervi pietà! Io sono abbastanza allenata e il giorno stesso non ho avuto dolori, il giorno dopo però non potevo ridere dal dolore agli addominali 🙂

Tutto sommato direi che è un’esperienza da provare! Io ho confermato ancora una volta me stessa che i “giochi” in cui bisogna lanciarsi, su una carrucola o appesi a filo, sono quelli che mi entusiasmano di più! Mi carico di un’adrenalina pazzesca!!!

PS Vi ricordate la teleferica in Città Alta a Bergamo della quale vi avevo parlato lo scorso anno? La teleferica viene installata ogni anno sulle Mura Venete della città, Patrimonio Unesco, proprio ad opera del Parco Avventura Roncola. Provate anche quella, è una fantastica esperienza, soprattutto la sera quando la città è tutta illuminata sotto di voi.

Annunci

Estate in Romagna: i migliori parchi acquatici e divertimento!

Le ferie sono ormai vicine! Se quest’estate avete deciso di restare a casa, non demoralizzatevi! Potete approfittare del tempo libero per fare tutte le cose che avete rimandato per mesi…oppure potete mettervi una zaino in spalle, salire in macchina e raggiungere uno dei tanti parchi acquatici e divertimento della Romagna! Ce ne sono di tutti i gusti, in grado di soddisfare le esigenze di grandi e piccini!

Acquario_Instancabile giramondo

Acquario Cattolica

Il più grande acquario di tutto il mar Adriatico si trova a Cattolica. All’interno la struttura è suddivisa in quattro percorsi diversi: blu, verde, giallo e viola.
Il percorso blu vi consentirà di incontrare Squali, Pinguini, Trigoni e Meduse. Scoprirete il mondo sotto la superficie dell’acqua, dal Mar Mediterraneo al Mar Rosso, passando per l’Oceano Atlantico, Pacifico e Indiano.
Nel percorso giallo l’attenzione è concentrata sull’acqua dolce e sulle specie animali che la abitano. Qui farete la conoscenza di simpatiche lontre e caimani.
Il percorso verde invita a una riflessione sui doni che il nostro pianeta ci ha fatto e che dobbiamo tramandare di generazione in generazione. Incontrerete camaleonti, rane, insetti e serpenti.
Cosa faresti se ti trovassi faccia a faccia con uno squalo? Nel percorso viola potrebbe capitarti! Il quarto e ultimo percorso è infatti interamente dedicato al mondo degli squali. Visita il sito per saperne di più!

Acquafan Riccione

L’Acquafan è molto più di un parco acquatico, è divertimento e adrenalina allo stato puro. Il parco con il tempo si è ingrandito e ospita oggi, in totale, ben 3km di scivoli! La novità di quest’anno è il Black Hole: uno scivolo completamente al buio che solo i più coraggiosi oseranno provare!
Dal 16 luglio fino a domenica 20 agosto è attiva la formula Night&Day. Il parco aprirà tutte le domeniche alle 10 per chiudere alle 22:30, con un programma ricco di eventi e ospiti speciali, da Gabry Ponte a Fabri Fibra, da Salmo a Rovazzi.
E se acquisti un biglietto di ingresso, un secondo giorno a tua scelta ri-entri gratis! Sì, hai capito bene, il biglietto è valido per due giorni! Visita il sito per saperne di più!

Parco acquatico_Instancabile giramondo

Fiabilandia

Fiabilandia è il parco divertimenti di Rimini dedicato ai più piccoli…ma non solo! 30 attrazioni immerse nella natura che vi consentiranno di trascorrere una giornata all’insegna del gioco!
Per tutta l’estate 2017 nel parcheggio del parco vi è allestita una tensostruttura, all’interno della quale potrete assistere ad uno spettacolo di clown.
Se volete godervi la giornata e non fare le corse per salire su tutte le attrazioni, non preoccupatevi, non c’è fretta! Il giorno dopo potete entrare nuovamente al parco riutilizzando lo stesso biglietto!
Se invece volete approfittare di trovarmi a Rimini per spostarvi anche a Riccione, potete approfittare della promozione Fiabilandia + Safari Riccione!
Visita il sito per saperne di più!

Italia in Miniatura

Vorresti viaggiare e visitare tutto il nostro Belpaese ma ti manca il tempo di farlo? Lo sapevi che puoi visitare tutta l’Italia in un solo giorno a Viserba di Rimini? L’Italia in Miniatura è il parco divertimenti che riproduce con cura il patrimonio architettonico italiano, attraverso 273 miniature realizzate nei minimi particolari.
Dopo aver passeggiato per le vie di Firenze, aver fotografato il Duomo di Milano e ammirare le gondole di Venezia, è il momento di svagarsi un po’! Il parco propone infatti anche alcune attrazioni sia per i bambini che per gli adulti e anche qualche gioco d’acqua per rinfrescarsi un po’ sotto il caldo sole d’estate.
Anche qui il biglietto 2017 consente l’accesso al parco per due giorni…e il secondo giorno lo decidi tu! Visita il sito per saperne di più!

Quindi che fai? Non corri a comprare i biglietti? La Romagna ti aspetta!


WowConosci già la Romagna Visit Card?  E’ la carta che ti consente di visitare gratuitamente 54 siti di interesse culturale in tutta la Romagna e offre sconti e agevolazioni su numerosi punti di interesse turistico.
Puoi acquistare la tua card in uno dei punti vendita autorizzati oppure direttamente dal sito ufficiale. Utilizza il codice BLG-017 per avere uno sconto sull’acquisto della tua tessera!

Clicca qui per scoprire tutti i siti visitabili con la Romagna Visit card

 

Il Sentiero delle Espressioni: un percorso di trekking semplice al confine con la Svizzera

Se state pensando di organizzare una bella gita in montagna e cercate qualcosa di abbastanza easy, alla portata di tutti, dovreste prendere in considerazione Il Sentiero delle Espressioni, nella Valle d’Intelvi.

Cos’è Il Sentiero delle Espressioni?

Si tratta di un percorso nato nel 2014 e tuttora in evoluzione. Ogni anno, nei mesi di maggio e giugno, i migliori intagliatori della Valle si trovano qui per realizzare delle bellissime sculture di legno. Il tema delle opere cambia di anno in anno:

  • Nel 2014 il filo conduttore erano, appunto, le “Espressioni”.
  • Il 2015 è stato per la Lombardia un anno molto importante, quello di Expo Milano 2015 “Feed the planet, energy for life”. E quale poteva essere il tema, se non “Expo”?
  • Il 2016 è stato ispirato dalla collocazione del sentiero stesso, inserito tra Italia e Svizzera. Da qui il tema “Vita di confine”.
  • E infine, eccoci al 2017 con “Miti e leggende della montagna”.

Come si raggiunge?

Il Sentiero delle Espressioni ha inizio a Posa, una frazione di Schignano, qualche tornante al di sopra di Como. Il percorso ha un dislivello di 400 metri, per un totale di 10km circa.

Dove mangiare?

Seguendo il percorso (è ben segnalato) giungerete a un certo punto all’Agriturismo Pratolina. Tuttavia il mio consiglio è di proseguire fino a giungere in cima al Monte Comana, il punto più alto, dove avrete una bellissima vista sul Lago di Como. Qui potrete fermarvi per un pic-nic rifocillante, prima di proseguire il cammino.

Work in progress…

A partire da questo momento ha inizio la parte ancora in evoluzione e, se sarete fortunati, potrete vedere gli artisti all’opera. Ciascuno di essi deve realizzare la propria scultura entro una determinata data, nella quale verrà proclamato il vincitore annuale. Fermatevi a parlare, fatevi raccontare come è nata la loro idea, da cosa sono stati ispirati, come lavorano, gli strumenti che utilizzano… È tutto davvero molto interessante!

Gite in Lombardia

Se vi state chiedendo come sono venuta a conoscenza di questo sentiero, ammetto che devo ringraziare Gite in Lombardia, un progetto nato con l’intento di promuovere le ricchezze del territorio lombardo e di farle conoscere ai suoi abitanti. Visitate il loro sito per scoprire le prossime gite in programma!

P.S. Per vedere tutte, ma proprio tutte, le foto di questa bellissima giornata, visitate il mio profilo Instagram 🙂

3 zoo europei che non potete non visitare

Instancabile giramondo_zoo

Quando viaggiamo è giusto dare la precedenza alle principali attrazioni artistiche e culturali della città, a volte però è bello anche prendersi una pausa dallo stile di vita locale e dedicarsi a qualcosa di più “blando”. Soprattutto se siamo in viaggio con bambini, gli zoo possono rappresentare un buon momento di svago.

Durante i miei viaggi, mi capita spesso di dedicare del tempo a zoo e parchi in generale, sopratutto con il bel tempo adoro stare all’aria aperta e passeggiare tra la natura e gli animali.
Ecco quindi tre zoo che dovete assolutamente visitare se vi trovate in quella città!

  1. Valencia. Uno degli zoo più belli che abbia mai visto! Sarà che in Spagna ogni azione, anche le più comuni e quotidiane, assumono un’aria diversa, ma passeggiare all’interno del Bioparco è stata un’esperienza fantastica! Ciò che rende davvero unico questo parco è il fatto che non vedrete nessun animale in gabbia. Ciascuna specie vive libera nel suo habitat naturale all’interno del quale i visitatori possono accedere, ovviamente nel totale rispetto degli animali.
    L’ingresso ha un costo di 23,80€ e potete pre-acquistare il vostro biglietto a questo link. Il mio consiglio è di unire la visita al bioparco con quella all’oceanografico, anch’esso estremamente bello! In questo caso, concedetevi un’intera giornata per le due visite, ne sarete soddisfatti!
  2. Berlino. Il Zoologischer Garten Berlin è uno dei più grandi e antichi zoo della Germania. Fin dall’ingresso il parco appare molto maestoso, grazie alla gigantesca porta degli Elefanti in stile asiatico, che per molti berlinesi è un vero e proprio monumento della città. Tuttavia non è la sola entrata, è possibile infatti accedere allo zoo anche attraverso la porta dei Leoni.
    Molto suggestiva è la Gabbia degli uccelli, un percorso guidato sopraelevato che offre un punto di vista privilegiato sulle diverse specie di volatili.
    Lo zoo è aperto 365 giorni all’anno e la visita ha un costo di 14,50€. Io sono stata soltanto allo zoo ma, se volete, potete affiancare la visita all’acquario, per un costo totale di 20€. Potete acquistare i biglietti online a questo indirizzo.
  3. Vienna. Una città che è stata per me una piacevole sorpresa. Vienna ospita il Giardino zoologico di Schönbrunn, una delle attrazioni culturali e ricreative più visitate della capitale austriaca, nonché uno degli zoo più antichi al mondo.
    Il parco zoologico ospita oltre seicento specie animali, alcune delle quali a rischio di estinzione. Parte del ricavato della vendita dei biglietti infatti viene destinato ad alcuni progetti di tutela delle specie a cura dello zoo stesso. Anche lo zoo di Vienna è aperto 365 giorni all’anno e ospita delle oasi tropicali che offrono un’eccezionale esperienza climatica soprattutto nei mesi invernali, nello specifico l’acquario-terrario con la barriera corallina, la voliera e la serra della foresta pluviale, che riproduce una giungla del sud-est asiatico.
    L’ingresso ha un costo di 18,50€ ed è pre-acquistabile online a questo link.

Thunderclap: un po’ di chiarezza su questo strumento

Instancabile giramondo_support

Di recente sono venuta a conoscenza di uno strumento nuovo, che mi ha subito conquistata! Si tratta di Thunderclap, ossia “Rombo di tuono“.

Cos’è Thunderclap?

Si tratta di uno strumento semplice ed intuitivo di promozione social. Il concetto è quello di coinvolgere un gruppo di amici e contatti che con un semplice clic divulgheranno il tuo messaggio nello stesso istante.

Procediamo per punti e cerchiamo di capire meglio il meccanismo di Thunderclap.

  1. Decidi cosa vuoi promuovere e crea una pagina su Thunderclap. Io per esempio ho scelto il mio stesso blog.
  2. Decidi il tuo obiettivo: quanti sostenitori vuoi raggiungere e in quanto tempo?
  3. Condividi la tua pagina e invita più persone possibili a diventare tuoi sostenitori tramite Facebook, Twitter o Tumblr.
  4. Se raggiungi l’obiettivo entro i termini stabiliti, la rete verrà invisa da tweet e post dei tuoi sostenitori. Tutti nello stesso istante.

Ecco qua il mio Thunderclap! Vi va di sostenerlo? Avete tempo fino all’8 maggio!

Football City Guide: itinerari turistico-calcistici per viaggi all’insegna del pallone!

Football city guides

La cosa bella della diffusione della televisione prima e di internet dopo è che questi strumenti ci danno la possibilità di viaggiare stando comodi davanti a una schermo! Ne avevo già parlato in un vecchio articolo e ci tengo a ribadirlo ancor oggi…

Tuttavia non sono gli unici mezzi a nostra disposizione. I libri ne sono un esempio. E la cosa più assurda è che nemmeno ci danno la possibilità di vederli i luoghi che ci descrivono, molto spesso riusciamo ad immaginarceli solo nella nostra mente. Ciò suscita in noi il desiderio di recarci personalmente in quella città, per vedere se è effettivamente come l’avevamo immaginata… A volte lo è, a volte no… A volte i tempi sono cambiati, i palazzi ricostruiti, le distese di verde eliminate…

E cosa ne dite della possibilità di unire due interessi, da un lato quello del viaggio e dall’altro quello dello sport e più nello specifico del calcio? In Italia i trend turistici di coloro che viaggiano per seguire eventi sportivi è in netta crescita (intorno al +20%), così la casa editrice Edizioni inContropiede ha pensato bene di stare al passo con la tendenza e dar vita al progetto Football City Guide, una collana di libri che racconta le città europee attraverso il pallone.

I volumi che compongono la collana sono delle vere e proprie guide turistico-calcistiche, un insieme di racconti, storie, aneddoti ed interviste, ma anche itinerari calcistici talvolta collegati a quelli del turismo più tradizionale. Stadi, musei tematici, toponomastica calcistica, cimiteri con le tombe dei grandi calciatori e luoghi di incontro per i tifosi, insomma tutto quello che serve per un viaggio diverso dal solito, che pone in prima fila la passione per il calcio.

Ad inaugurare la collana è stata Lisbona, seguita da Zagabria. Due volumi molto ricchi e fitti di notizie e curiosità che vi consentiranno di visitare le città con occhi diversi dal solito. I libri sono pensati anche per essere affiancati alle più tradizionali guide turistiche, consentendovi di avere una visione completa a 360° di quello che è il modo di vivere degli abitanti e tifosi locali e dei luoghi che frequentano.

Ordinate subito la vostra guida su Amazon:

Blocco dello scrittore: 3 rimedi per Travel Blogger

Scrivere è bello perchè ci consente di esprimerci, di parlare liberamente, di dar forma a un’emozione, un ricordo o semplicemente di condividere la nostra passione per il mondo dei viaggi e del turimo. Scrivere ci fa stare meglio, perchè ci rende liberi e crea un legame con chi ci legge.

Ma cosa fare quando si presenta il blocco dello scrittore? Capita a tutti di fissare la pagina bianca, di iniziare una frase e cancellarla 5 volte, di provare a cambiare argomento senza concludere nulla…


Ecco qualche consiglio per superare il blocco dello scrittore!

Raccontare una storia

Invece di scrivere un articolo, nel senso più classico del termine, racconta qualcosa ai tuoi lettori. Sei un travel blogger, ne avrai di storie da raccontare! Quante persone bizzarre hai incontrato durante i tuoi viaggi? Non ti è mai capitato di perderti nella periferia di Parigi? A me sì, non lo auguro a nessuno!
E quella volta che ti sei trovato fuori dallo stadio del Barcellona con lo sciopero dei mezzi all’una di notte e ti sei fatto mille mila chilometri a piedi con gente conosciuta un paio di ore prima?
Suvvia, non ditemi che solo a me capitano queste avventure!

Prendere ispirazione da altri blogger

Alt! Non sto suggerendo di copiare articoli di atri blogger riscrivendoli con parole diverse, tantomeno di tradurre in italiano un articolo scritto in inglese. Potreste però prendere spunto da altri articoli, magari leggendoli vi viene l’ispirazione per parlare di altro, per approfondire una tematica alla quale si fa solo un breve cenno. Ricordatevi però di portare sempre rispetto al lavoro altrui.

Partecipare alle iniziative di altri blogger

Molto spesso alcuni blogger sono soliti dar via ad alcune iniziative, io per esempio ho recentemente preso parte a #MyTravelRules. La struttura è sempre la stessa:

  • nominare il blog che ha dato via all’iniziativa
  • rispondere a delle domande o raccontare alcune esperienze
  • nominare altri blogger (che ci ringrazieranno per la nomination all’interno del loro articolo)

Attenzione però! Non dovete per forza aspettare che qualcuno vi nomini, se l’idea vi piace e volete farne parte, potete decidere di farlo in maniera del tutto volontaria, rispettando ovviamente le regole del gioco.


Avete altri consigli? Quali metodi utilizzate per sfuggire al blocco dello scrittore?
Se vi va, potete lasciare un commento, in fondo siamo qui anche per aiutarci. O no? 🙂

WRITER'S BLOCK

“Blogger We Want You” by Grazia.it

Cari amici, oggi non sono qui per consigliarvi un itinerario o una meta per i vostri prossimi viaggi, bensì per parlarvi di me.
Come avrete capito dal titolo, “Blogger We Want You” è una bellissima iniziativa di Grazia.it alla quale ho deciso di partecipare con molto entusiasmo!

Chi sono?
Mi chiamo Deborah e ho 24 anni.
I miei sogni nel cassetto?
Lanciarmi con il paracadute
Salire su una mongolfiera
Visitare l’Australia
Imparare lo spagnolo

Sì be, non è che non parli nessuna lingua! Parlo inglese, francese e tedesco. Ma hai presente quando ti fissi su una cosa? Ecco, io sono così. Se mi pongo un obiettivo, cascasse il mondo, io lo raggiungo. Chi mi conosce bene dice che sono molto severa con me stessa, io preferisco definirmi motivata.

Viaggiare per me è un dono. Ogni viaggio ci rende più ricchi; conoscere nuove culture, incontrare nuove persone, venire in contatto con nuove abitudini non può che renderci migliori.
Ho aperto Instancabile giramondo proprio per parlare di tutto ciò, per raccontare cosa mi colpisce di ogni luogo, per dare consigli, per condividere emozioni e momenti.

Amo scrivere, ma non è il mio unico interesse! Nel tempo libero vado a correre, ho iniziato quasi per gioco ma ben presto ho capito quanto sia bello e soddisfacente. Per questo motivo ho adorato tutti gli articoli della tendenza #WhyIRun di Grazia.it

Mi piace anche tenermi aggiornata sulle ultime novità in fatto di moda e in questo posso contare sull’aiuto di Grazia moda, sempre ricca di informazioni e piena di curiosità.
Spesso mi cimento nell’impresa di copiare i look delle star o almeno di trarne ispirazione!

Da poco ho comprato casa e anche la sezione Casa di Grazia è improvvisamente diventata mia alleata! Soprattutto adesso che sto iniziando ad arredarla, l’articolo “10 cose che non possono mancare nella prima casa” mi è stato molto d’aiuto!

E tu che fai? Non partecipi all’iniziativa?

Correre sulla spiaggia: vi racconto perchè è così bello!

Corro perché se non lo facessi sarei pigro e spenderei il mio tempo sul divano.
Corro per respirare l’aria fresca.
Corro per esplorare.
Corro per sfuggire l’ordinario.
Corro… per assaporare il viaggio lungo la strada.
Dean Karnazes

Chi è Dean Karnazes?
Dean Karnazes è uno sportivo statunitense, noto per aver compiuto imprese eccezionali nel campo dell’ultratrail. Si tratta di una specialità della corsa che si svolge su sentieri posti in ambienti naturali quali montagna, deserto, bosco. La particolarità di questa disciplina è che i tratti pavimentati non devono essere superiori al 20% della lunghezza totale del percorso… e pensate che i percorsi partono dai 42km in su!

Di certo non sarò mai pronta per un’esperienza simile ma nel mio piccolo ho capito che correre fa bene, non soltanto a livello fisico ma anche e soprattutto a livello mentale. Per questo motivo voglio proporvi un’attività. Avete mai provato a correre sulla spiaggia?
Credo sia una delle cose più belle da fare in estate (ovviamente chi ha il mare tutto l’anno lo può fare in qualsiasi stagione).

So che quando siete in vacanza non avete voglia di alzarvi presto per andare a correre, ma almeno una volta vi consiglio farlo. Non c’è bisogno di correre per 10km, non dovete fare alcuna maratona.

Ma provate per un momento a immaginare la spiaggia vuota alle 7 della mattina, il mare calmo, il profumo di salsedine… Immaginate di correre guardando il mare, l’orizzonte che si estende all’infinito. Niente palazzoni, niente auto e smog: solo voi e il mare. E qualche altro sportivo. Azzarderei quasi a definirla un’esperienza mistica!

E non solo è molto appagante a livello di atmosfera, è anche soddisfacente a livello fisico. I benefici che otterrete da questa corsa saranno numerosi! Anzitutto avrete una maggiore tonificazione dei muscoli delle gambe, inoltre i vostri polmoni gioiranno grazie all’aria che respirerete!

Provare una volta non costa nulla e poi siete autorizzati a dormire per tutto il resto della mattina sotto l’ombrellone! Provate e fatemi sapere! Io nel frattempo attendo con ansia il giorno in cui correrò su una spiaggia australiana 😍

 

Escape room? Sì, ma in versione horror

Immaginate di essere in un film horror, chiusi dentro una stanza e di avere soltanto 60 minuti di tempo per scappare. Ce la farete?

 

wp-1480323730547.jpg

In TIME è stata la prima escape room della provincia di Bergamo, si trova a Suisio e vanta al momento due stanze diverse, una loggia e una camera horror.

La stanza di Tamara è stata studiata e progettata nei minimi dettagli.
Dall’età di 5 anni Tamara è posseduta da un demone a causa di un rito fatto dalla madre, la vostra missione consiste nell’esorcizzare Tamara, prima che vi rubi l’anima.
Una serie di enigmi aspettano solo di essere risolti, il tutto all’interno di un’ambientazione da vero film horror.
L’atmosfera, unita alla paura di non risolvere gli enigmi in tempo la fanno da padrone e come se non bastasse, a mettervi ancora più ansia, un timer posto proprio sopra la porta dalla quale dovrete scappare.

Se come me amate i film horror perchè vi mettono adrenalina, se come me siete curiosi di esplorare e guardare anche laddove avete il terrore di farlo, non perdetevi questa opportunità! Inoltre, per i più coraggiosi esiste addirittuta una versione super horror della Stanza di Tamara. In cosa consiste? Be, questo non ve lo dico. Se avete il coraggio, provateci 😛

E’ stata un’esperienza davvero unica! Ci siamo divertiti noi e si è divertita soprattutto la ragazza dello staff che ci spiava da fuori attraverso una serie di telecamere. Non voglio spiegarvi il motivo per cui l’abbiamo fatta ridere così tanto, perchè non voglio spoilerarvi nulla! Ci tengo comunque a fare i miei complimenti allo staff di In TIME per la disponibilità e la simpatia.

Prima di entrare all’interno della camera vi verranno date tutta una serie di indicazioni e istruzioni, anche e soprattutto a livello di sicurezza. Ma se proprio non ve la sentite, vi consiglio di provare la loggia, meno paurosa ma, aimè, con enigmi più difficili da risolvere!

Per maggiori informazioni e per prenotare, visitate il sito di In TIME!

Buona fortuna e alla prossima!